Monti Sibillini in moto | Itinerario nella misteriosa Terra della Sibilla

Itinerario in moto in Umbria, nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini. Un viaggio tra luoghi magici, un crocevia di regioni, leggende e luci celestiali. Il Parco Fluviale del fiume Nera, Norcia e Castelluccio di Norcia. La moto scivola tra le curve e i tornanti di uno dei territori più belli del mondo. Qui il terremoto non se n’è mai andato. Anche se i riflettori sembrano essersi ormai spenti. Ma nemmeno il sisma è riuscito ad intaccare la profonda bellezza di questi territori.
Due voci possenti ha il mondo: la voce del mare e la voce della montagna. (William Wordsworth)

 

Dettagli del percorso

Distanza: 188 KM | Altitudine max: 1.632 mt | Manto stradale: ottimo
Tappe principali: Parco Fluviale del Nera, Ferentillo (TR), Norcia (PG), Castelluccio (PG), Cascia (PG), Piediluco (TR), Marmore (TR), Narni (TR).

Punti d’interesse

Castelluccio di Norcia – Un paese famoso in tutto il Centro Italia per almeno tre cose: la fioritura, le lenticchie e le strade. Il borgo è stato tristemente colpito dal sisma del 2016. Ma è proprio dove il terremoto ha colpito di più che noi motociclisti dobbiamo andare. Non solo per scoprire la bellezza immutata di quei luogni, ma anche per offrire il nostro piccolo contribuito alle comunità locali che, con fatica, tentano di riemergere.
SP 209 “Valnerina” – La strada famosa e molto suggestiva che attraversa il Parco Fluviale del fiume Nera.
La Sibilla Appenninica – I Monti Sibillini nascondono, da molti secoli, uno dei segreti più misteriosi ed affascinanti della nostra penisola: l’enigma della Sibilla Appenninica, oggetto di viaggi ed esplorazioni, sin dal XV° sec., da parte di illustri studiosi, avventurieri e letterati.

Castelluccio di Norcia, il borgo tristemente colpito dal sisma del 2016.

Castelluccio di Norcia, il borgo tristemente colpito dal sisma del 2016.


Parco Nazionale dei Monti Sibillini.

Parco Nazionale dei Monti Sibillini.


La "Route 66" che divide il Pian Grande.

La “Route 66” che divide il Pian Grande.


Bosco di conifere. Piantato nel 1961, in memoria del primo centenario dell'Unità d'Italia.

Bosco di conifere. Piantato nel 1961, in memoria del primo centenario dell’Unità d’Italia.


Tra fine maggio e metà luglio il Pian Grande si tinge di colori dando vita alla famosa fioritura di Castelluccio di Norcia.

Tra la fine maggio e metà luglio il PIan Grande si tinge di colori. È qui che prende vita la famosa fioritura di Castelluccio di Norcia.

Panoramica sui Monti Sibillini. Sullo sfondo il borgo di Castelluccio di Norcia.

Panoramica sui Monti Sibillini. Sullo sfondo il borgo di Castelluccio di Norcia.